www.scintilladiluce.com


Vai ai contenuti

L'identificazione con la mente

Messaggi di Luce > Testi per Riflettere


L’identificazione con la propria mente rende compulsivo il pensiero e allontana dalla Pace interiore e dalla propria parte divina, dall’Essere.

Non essere capaci di smettere di pensare è un’afflizione terribile, ma non ce ne rendiamo conto perché quasi tutti ne soffrono, per cui è considerato terribilmente normale.
Questo rumore mentale incessante vi impedisce di trovare quel regno di quiete interiore che è inseparabile dall’ Essere.

Chi è obbligato a pensare, il che significa quasi tutti, vive in un stato di apparente separatezza, in un mondo follemente complesso di continui conflitti e problemi, un mondo che riflette la sempre crescente frammentazione della mente.

L’illuminazione è uno stato di totalità, di essere in “unione”e pertanto in pace. In unione con la vita nel suo aspetto manifesto, il mondo, e con il proprio sé più profondo e la vita non manifesta: l’Essere.
L’illuminazione è non soltanto la fine della sofferenza e del continuo conflitto interiore ed esteriore, ma anche la terribile schiavitù del pensiero incessante. Quale terribile liberazione.
L’identificazione con la vostra mente crea uno schermo opaco di concetti, etichette, immagini, parole, giudizi e definizioni che blocca ogni vostro rapporto personale. Si intromette fra voi e il vostro Essere , fra voi e il prossimo, fra voi e Dio.
E’ questo schermo di pensiero a creare l’illusione di separatezza, l’illusione che vi siano un “tu” e un “altro” totalmente separato. Allora dimenticate il fatto essenziale che, sotto il livello delle apparenze fisiche e delle forme separate, voi siete in unione con tutto ciò che esiste.

Per “dimenticare” intendo che non percepite più questa unità come realtà evidente di per sé. Potete credere che sia vera, ma non sapete più che è vera. Credere può darvi conforto, ma soltanto attraverso la vostra esperienza diventa liberatorio.
Pensare è diventato una malattia. La malattia si sviluppa quando le cose presentano uno squilibrio. Per esempio non vi è niente di male nel fatto che le cellule si dividano e si moltiplichino nel corpo, ma quando questo processo prosegue incurante dell’organismo nel suo insieme, le cellule proliferano e vi ammalate.
Si noti: la mente è uno strumento eccezionale se utilizzata nel modo giusto. Usata però nel modo sbagliato diventa oltremodo distruttiva. Per essere più precisi, il problema non è tanto che voi utilizzate la mente nel modo sbagliato, quanto che non la usate affatto.
Molte volte è la mente ad usare voi e noi voi ad usare la mente. Questa è la malattia. Voi ritenete di essere la vostra mente. Lo strumento si è impadronito di voi.
Tutte le cose davvero importanti: gioia, bellezza, amore, creatività pace interiore, nascono al di là della mente. Così cominciate a risvegliarvi!

Eckart Tolle



Copyright Laura Garini. Tutti i diritti riservati. lauragarini@libero.it

Torna ai contenuti | Torna al menu